Giu 17

La storia di una grande amicizia tra due ragazzini

Come viene subito messo in risalto dal risvolto della copertina, “Il cuore di questo libro è la storia di una grande amicizia tra due ragazzini”. Tale amicizia la si avverte tra i vicoli di piazza Spina come una brezza sottile, impercettibile, che attraversa e lega i cuori dei due adolescenti, Rafael e Richi. Due ragazzini con dei caratteri così diversi, messi davanti ad un mondo che si offre ai loro occhi con tutti gli interrogativi e i sensi di inadeguatezza che il rito di passaggio dall’infanzia all’adolescenza determina.

Sin dalle prime pagine del romanzo Rafael attende con impazienza il ritorno del suo amico, un ritorno, tuttavia, alimentato quasi da un alone di mistero creato dagli altri protagonisti del romanzo.

All’impazienza di Rafael si aggiunge pure un’aria di agitazione vissuta da tutto il quartiere. E dopo un’interminabile attesa, avviene finalmente l’incontro con Richi, l’amico tanto sbruffone, profondamente segnato da una malattia che lo trasforma anche fisicamente, al punto tale da farlo somigliare ad uno scimpanzé: “gli occhi e la testa come quelli di un neonato di scimpanzé” (pag. 68).

Se c’è una cosa che Rafael non sopporta è quel modo che hanno tutti ormai di definire il suo amico come il figlio malato della signora Franca. E in questa grande clessidra silenziosa si scandiscono lo scorrere del tempo e la sensazione dell’arrivo di un evento orribile, dettato con maggior forza dalla frase di Richi “Sono fottuto” (pag 163), subito dopo la scivolata rocambolesca sull’asfalto del viale del centro. Rafael spera con tutte le sue forze che in qualche modo Richi stia mentendo con quella frase. Ma ad un tratto si ritrova fuori dalla chiesa, ad asciugare le sue lacrime col dorso della mano e a ricordare la frase della madre  “si piangono solo i morti”  (pag 173).

Ebbene sì, la morte ha avuto la meglio sulla vita. Richi non ha avuto la possibilità di affacciarsi dalla finestra che dà sul mondo. Rafael invece, ci si deve sporgere senza l’unico amico sul quale riponga la sua fiducia, portando con sé, il solo ricordo vivo di Richi.

Giugno 2013

About The Author